Su quali parti del corpo lavorano gli squat?

Molto versatile, gli squat ritornano ad una vasta gamma di opportunità di allenamento per atleti come culturisti, tennisti e corridori di lunga distanza. Anche i militari la usano regolarmente per rimettersi in forma prima o dopo il lavoro. Se vi state chiedendo qual è il loro vero impatto, allora scoprite nelle seguenti linee quali parti del corpo fanno funzionare gli squat!

Parte inferiore del corpo

Gli squat sono molto utili per rafforzare la parte inferiore del corpo, soprattutto i glutei e i muscoli della coscia (quadricipite, adduttori e tendini del ginocchio). Mentre le sessioni progrediscono, il rafforzamento degli arti inferiori migliora il movimento e riduce il rischio di danni alle articolazioni, ma non è tutto. Quando si lavora sulla stabilizzazione muscolare, questo esercizio permette di lavorare sia sull’equilibrio che sulla mobilità.

Esercizio di squat
Accovacciarsi con o senza carichi è molto utile per rafforzare e tonificare la parte inferiore del corpo.

D’altra parte, più esercizio si fa, maggiore è la gamma di movimento che si otterrà e più si sarà in grado di abbassare. L’esercizio fisico è molto interessante per gli sport dove l’esplosività è importante (atletica, tennis….) perché i muscoli che sostengono il peso del corpo vengono lavorati e il corpo si muove in tutte le direzioni.

Tutti i muscoli del corpo

Squat ovviamente aiutano a rafforzare i muscoli delle gambe, compresi quadricipiti, tendini e polpacci, ma creano anche un ambiente anabolico che favorisce il rafforzamento di tutti i muscoli del corpo. Il movimento è poliarticolare e coinvolge un gran numero di muscoli piccoli e grandi. Quasi tutti i muscoli della parte inferiore del corpo sono inclusi nel lavoro durante l’esercizio.

Diversi tipi di movimenti spostano lo stress a diversi gruppi muscolari. I classici squat con una barra sulle spalle riguardano principalmente i quadricipiti, i grandi muscoli glutei, i muscoli della coscia, così come i muscoli solitari, che agiscono come sinergici. Gli stabilizzatori sono i bicipiti dell’anca, così come il gastrocnemio. Inoltre, il carico ricade sui muscoli addominali, sugli estensori della schiena e su altri piccoli muscoli delle gambe e del torace.

Quando fatto correttamente, gli squat hanno un’azione così intensa che attivano il rilascio di testosterone e ormone della crescita umana nel corpo, azioni che sono essenziali per la crescita muscolare. Questi ormoni aiutano anche ad aumentare la massa muscolare quando si lavora in altre zone del corpo.

Schiena, addome, cuore e scheletro

Ci sono pochissimi esercizi che lavorano tanti muscoli quanti sono gli squat. Si tratta quindi di un’ottima attività a tutto tondo che aiuta a tonificare e rafforzare la schiena, l’addome e le gambe. Inoltre, gli squat rafforzano i muscoli coinvolti nella regolazione del glucosio, nel metabolismo lipidico e nella sensibilità all’insulina.

Se eseguito correttamente, questo esercizio vi proteggerà dall’obesità, dal diabete e dalle malattie cardiovascolari. Gli squat bruciano molte calorie e stimolano il sistema cardiovascolare. Lavorando sui muscoli più lunghi del corpo, gli squat aumentano la densità ossea della colonna vertebrale, dei fianchi e delle gambe. Questa azione aiuta a prevenire l’osteoporosi, soprattutto nelle donne.

Lascia un commento